mercoledì 5 Ottobre 2022

Fonti fossili, gli interessi dell’Italia in Kazakistan

Tra proteste e violente repressioni, l’Italia guarda con apprensione quanto sta accadendo in Kazakistan. Il motivo, tuttavia, non ha a che fare con una particolare sensibilità alle tematiche sociali, bensì riguarda gli interessi fossili del nostro Paese. Il Kazakistan, infatti, è il nostro nono partner in termini di valore importato di petrolio greggio. Solo nei primi mesi del 2021, ci ha fornito oltre 517 milioni di euro di petrolio: più del 60% del valore delle importazioni totali. Non a caso, il Paese asiatico – come evidenziano i dati dell’International Energy Agency – rientra tra i primi produttori al mondo di petrolio, gas e carbone. E, nel 2020, si è attestato alla 14esima posizione della lista dei produttori globali di greggio.

Ma che la ‘rivolta del gas‘ resti senza conseguenze lo auspicano anche diversi colossi economici privati. I copiosi giacimenti di idrocarburi fossili che il Kazakistan ospita, parlando ancora di relazioni con l’Italia, non sono ad esempio passati inosservati alla multinazionale ‘nostrana’ Eni. Il Cane a sei zampe è presente nel Paese dal 1992. Un’alleanza strategica storica e recentemente rafforzata: nel 2020, le attività di sviluppo del giacimento Kashagan, dove Eni detiene il 16,81%, hanno puntato a un progressivo aumento fino a raggiungere i 450 mila barili di olio al giorno. Così, già nel primo semestre del 2021, il 9% della produzione di idrocarburi da parte di Eni è stato in quota kazaka. Ma per la multinazionale italiana, il Kazakistan è anche terreno fertile per attuare la sua personale ‘transizione energetica’. Nel luglio 2021, l’amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi, ha incontrato il presidente Tokayev e il primo ministro Mamin, siglando accordi con la compagnia nazionale KazMunaiGas per lo sviluppo di progetti nell’ambito di energie rinnovabili, idrogeno e biomasse. «Attraverso la propria controllata locale Arm Wild LLP, in mano al 100% al socio Eni Energy Solutions BV, domiciliato nell’Olanda a fiscalità agevolata – rende noto AltreconomiaEni ha annunciato di voler realizzare due parchi eolici e un impianto fotovoltaico per una capacità totale di circa 150 MW».

Ad ogni modo, oltre le fossili, il Kazakistan resta una nazione strategica per l’Italia. I benefici commerciali sono infatti a doppio senso. Nel 2018, l’export italiano di vari beni a favore dei partner kazaki aveva raggiunto la quota di 1 miliardo e 86,35 milioni di euro. E addirittura l’anno successivo, tra gli Stati membri Ue, la nostra Penisola ne era il primo alleato commerciale. Poi il crollo del 15% nelle esportazioni Made in Italy come conseguenza della pandemia. Ora, mentre si fatica a riportare gli scambi al vigore originario, in tanti, Italia in primis, temono per i risvolti delle proteste. In termini commerciali, non umanitari, chiaro.

[di Simone Valeri]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI