giovedì 1 Dicembre 2022

India, arrestato presunto creatore app per “vendere” donne musulmane

In India è stato arrestato un uomo di 20 anni sospettato di aver creato un’app che simulava la vendita all’asta delle donne musulmane. Sull’applicazione, chiamata Bulla Bai (termine dispregiativo per indicare le donne musulmane), venivano pubblicate foto scattate senza consenso di donne che venivano poi messe virtualmente all’asta. Venivano prese di mira in particolare le giornaliste. In India si sta assistendo a un aumento dell’odio religioso e della violenza contro i musulmani da quando il primo ministro Modi è salito al potere. “È la terza volta che una cosa del genere succede nell’ultimo anno e mezzo” afferma una delle vittime, “Stanno lanciando un messaggio alla comunità musulmana e specialmente alle donne: state al vostro posto”.

Ultime notizie

Il Qatar è già campione del mondo dello sfruttamento

Il mondiale è appena iniziato ma i suoi preparativi vanno avanti incessantemente dal 2020, quando il Qatar si è...

Lockdown: ora Trudeau e Bassetti difendono le proteste in Cina (sconfessandosi da soli)

«Tutti in Cina dovrebbero essere autorizzati a protestare. Continueremo ad assicurarci che la Cina sappia che sosterremo i diritti...

L’altro Mondiale: cronache, aneddoti e assurdità da Qatar ’22

Benvenute e benvenuti alla seconda puntata de l'altro mondiale, scusate il ritardo, ma le cose serie hanno preso il...

Il governo stanzia altri 400 milioni per le Olimpiadi 2026, quelle a “costo zero”

I XXV Giochi olimpici e paralimpici invernali si terranno dal 6 al 22 febbraio 2026 a Milano e Cortina...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI