giovedì 26 Maggio 2022

India, arrestato presunto creatore app per “vendere” donne musulmane

In India è stato arrestato un uomo di 20 anni sospettato di aver creato un’app che simulava la vendita all’asta delle donne musulmane. Sull’applicazione, chiamata Bulla Bai (termine dispregiativo per indicare le donne musulmane), venivano pubblicate foto scattate senza consenso di donne che venivano poi messe virtualmente all’asta. Venivano prese di mira in particolare le giornaliste. In India si sta assistendo a un aumento dell’odio religioso e della violenza contro i musulmani da quando il primo ministro Modi è salito al potere. “È la terza volta che una cosa del genere succede nell’ultimo anno e mezzo” afferma una delle vittime, “Stanno lanciando un messaggio alla comunità musulmana e specialmente alle donne: state al vostro posto”.

Ultime notizie

Italia: sei cittadini condannati al carcere per una manifestazione di oltre 10 anni fa

La Corte di Cassazione ha confermato le condanne per sei cittadini che avevano preso parte alla manifestazione nazionale del...

Digiuno intermittente: cos’è e quali benefici (e rischi) per la salute?

Il digiuno fa tradizionalmente parte di molte diete religiose, ma di recente ha iniziato a riscuotere interesse nella comunità...

Vaiolo delle scimmie: in Uk già si somministra il vaccino, la Francia ci pensa

Nonostante diversi esperti ritengano che il vaiolo delle scimmie non sia una malattia particolarmente pericolosa, le autorità sanitarie di...

YouTube ha chiuso oltre 9.000 canali accusandoli di essere filo-russi

La testata britannica The Guardian ha fatto un po’ di conti in tasca al più noto portale di video-social,...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI