mercoledì 7 Dicembre 2022

Cile, politica chiede stop a nuovi contratti minerari per estrazione litio

In Cile i politici hanno chiesto di fermare i nuovi contratti per l’estrazione mineraria del litio, del quale il Paese è il secondo produttore al mondo. Si tratta di un minerale fondamentale per la produzione delle batterie delle auto elettriche, in forte incremento sui mercati globali, ma la cui estrazione costituisce un rischio ambientale e sociale. La gestione del litio sarà una delle questioni più spinose da affrontare per il governo del neoeletto Boric, in carica da metà marzo: l’impennata dei prezzi sui mercati globali potrebbe costituire fonte di importanti introiti per il Paese, ma l’estrazione comporta notevoli rischi per l’ecologia della zona e per le comunità indigene.

Ultime notizie

La polizia morale iraniana non è mai stata abolita, anche se lo avete letto

«Non ci sono conferme sul fatto che il lavoro delle unità di pattugliamento, ufficialmente incaricate di garantire la “sicurezza...

Covid, uno studio conferma i benefici della vitamina D

La vitamina D può ridurre il rischio di contrarre il Covid-19 nonché di morire a causa del virus: è...

La Francia mette al bando i voli a breve percorrenza

Lo scorso giovedì 1° dicembre la Commissione europea ha approvato un piano proposto dalla Francia nel 2021 che prevede...

Cosa cambia con l’entrata in vigore dell’embargo sul petrolio russo

È entrato in vigore ieri l’embargo al petrolio russo concordato lo scorso 2 settembre tra l’Ue, il G7 e...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI