mercoledì 18 Maggio 2022

Austria: legalizzato il suicidio assistito

Dal primo gennaio gli adulti affetti da una malattia incurabile mortale o da effetti permanenti e debilitanti, potranno scegliere la morte assistita anziché la sofferenza fisica. Il Parlamento aveva già approvato la nuova legge a dicembre, a seguito di una sentenza della Corte costituzionale sulla questione. La pratica sarà strettamente regolamentata: ogni caso sarà valutato da due medici, uno dei quali esperto di medicina palliativa.

Per poter porre fine alla propria vita, i pazienti devono fornire conferma della loro diagnosi e della loro capacità di prendere decisioni.  Inoltre, devono passare almeno tre mesi di tempo tra il momento della richiesta e la sua approvazione, per scoraggiare decisioni impulsive (mentre per i malati terminali la procedura d’urgenza ha tempi ridotti). I minori o le persone con problemi di salute mentale non sono soggetti alla legge e l’assistenza attiva al suicidio rimane illegale.

L’Austria è diventata così uno dei pochi paesi europei a permettere una qualche forma di eutanasia, che al momento è legale in Belgio, Paesi Bassi e Spagna. Una legge sul suicidio assistito è in discussione da qualche settimana anche al Parlamento italiano.

Ultime notizie

Merendine ai bambini: cosa acquistare e cosa preparare a casa?

C’è una campanella che spesso fa paura ai genitori: quella della ricreazione. Tra preparativi, grembiuli e zainetto, non bisogna...

Irlanda, il Paese dove si arena la protezione dei nostri dati

Il General Data Protection Regulation (GDPR) dell’Unione Europea è entrato in azione il 28 maggio 2018 e avrebbe dovuto...

Sentenza: la sospensione degli insegnanti non vaccinati è da considerarsi illegittima

"Le domande delle parti ricorrenti che avevano quale presupposto la dichiarazione di illegittimità dei provvedimenti di sospensione impugnati, in...

Le elezioni scuotono il Libano: Hezbollah perde la maggioranza

Secondo i risultati ufficiali delle elezioni parlamentari che si sono tenute domenica 15 maggio in Libano, il gruppo sciita...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI