venerdì 7 Ottobre 2022

UE, embargo internazionale armi per Birmania per massacri contro ribelli

L’Unione Europea ha richiesto un embargo internazionale delle armi per il governo della Birmania e un aumento delle sanzioni dopo il massacro di almeno 35 ribelli pro-democrazia della settimana scorsa. Tra le vittime vi erano civili e operatori umanitari, tra i quali due dipendenti di Save the Children. L’Assemblea Generale ONU aveva già votato a giugno contro l’ulteriore invio di armi in Birmania, ma si era trattato di una misura simbolica in quanto non sostenuta oltre dal Consiglio di Sicurezza, il cui potere di veto è detenuto da Russia e Cina (i principali fornitori di armi della Birmania). La Birmania si trova nel caos dopo il colpo di Stato militare avvenuto a febbraio, in seguito al quale almeno 1300 civili sono stati uccisi.

Ultime notizie

La Colombia tenta la strada della pace con i guerriglieri dell’ELN

Con una stretta di mano Antonio Garcia, rappresentate dell'Ejército de Liberación Nacional (Esercito di Liberazione Nazionale - ELN), e...

Intelligence USA: a uccidere Darya Dugina è stato il governo ucraino

Dietro all’attentato del 20 agosto scorso che ha portato alla morte di Darya Dugina, figlia del filosofo russo Aleksandr...

La siccità spinge il Kenya a cedere alle colture OGM

A causa della peggiore siccità degli ultimi 40 anni, il Kenya si è trovato costretto a revocare il divieto...

“Posso consacrare armi, ma non amore vero”: don Mignani sospeso perché benedice i gay

Sospeso a divinis dal Ministero della Curia Vescovile di La Spezia il sacerdote don Giulio Mignani, per avere adottato...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI