martedì 17 Maggio 2022

L’Italia ha approvato la messa al bando definitiva delle mine antiuomo 

La Camera dei deputati ha approvato, in via definitiva, le Misure per contrastare il finanziamento delle mine antipersona e delle munizioni a grappolo. La votazione unanime del 2 dicembre, con 383 voti a favore e nessun contrario, impedirà il coinvolgimento dell’Italia nella produzione di questi ordigni, messi fuori legge da due Convenzioni internazionali. Il risultato (in realtà già ottenuto nella XVII Legislatura ma reso inapplicabile da un vulnus costituzionale evidenziato dal Presidente Mattarella) è frutto della mobilitazione portata avanti dalla Campagna Italiana contro le Mine. 

“Se lo Stato democratico rifiuta il coinvolgimento diretto nell’utilizzo, nella produzione e nel commercio di alcuni tipi di armamento, non può essere permesso nemmeno un coinvolgimento indiretto finanziario”. Accoglie così questa presa di posizione la Rete Italiana Pace e Disarmo, la più importante associazione del Paese per il disarmo. “Attendiamo ora la controfirma del Presidente della Repubblica che farà entrare in vigore la Legge.”

Nonostante gli ordigni vennero messi al bando nel 1997 con il Mine Ban Treaty, sono circa 50 milioni quelli pronti a scoppiare nel mondo. Il Landmine Monitor, il rapporto sulle mine antiuomo, ha svelato che nel 2020 sono state 7.073 le vittime di mine/residui bellici: 2.492 i morti e 4.561 i feriti. Inoltre, solo 164 paesi hanno ratificato la Convenzione sulla messa al bando degli arsenali. Tra le potenze più importanti, mancano ancora all’appello Stati Uniti, Russia, India, Cina.

[di Iris Paganessi]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI