fbpx
venerdì 22 Ottobre 2021

La soluzione per estrarre idrogeno dall’acqua marina si avvicina?

Un gruppo di ricercatori dell’Università della Florida è riuscito a sintetizzare un composto in grado di ottimizzare l’estrazione di idrogeno dall’acqua marina. Una svolta molto importante, soprattutto per l’ambiente, poiché questo elemento chimico è un rilevante vettore energetico la cui combustione, rispetto ai combustibili fossili, è pulita e non produce inquinamento. Sul nostro pianeta, però, l’idrogeno si trova nelle molecole combinato ad altri elementi chimici, come l’acqua, la quale è formata da due atomi di idrogeno e da uno di ossigeno (H2O). Questo dato di fatto pone la necessità di  separarlo per ottenerlo allo stato puro, processo che richiede un certo dispendio di energia.

Da tempo scienziati di ogni parte del mondo si impegnano nella ricerca di processi atti all’estrazione di questo gas. Ancora oggi, però, la maggior parte delle tecnologie impiegate per ricavarlo richiede fonti idriche dolci e tendenzialmente pulite. Ottimizzare la sua estrazione dall’acqua salata è, quindi, un notevole salto in avanti, soprattutto perché offre la possibilità di ottenerlo espandendo i confini geografici della produzione. Per effettuare l’elettrolisi dell’acqua salata, i ricercatori hanno dovuto trovare qualcosa che fungesse da catalizzatore. Nello specifico, nella trasformazione chimica, il processo di generazione dell’ossigeno durante la rottura della molecola di acqua, entra in contrasto con la reazione di evoluzione del cloro perdendo, di conseguenza, stabilità ed efficienza. Il catalizzatore individuato dal team scientifico americano è quindi una sostanza chimica in grado di facilitare le reazioni. Si tratta di film nanoporosi di seleniuro di nichel drogati con ferro e fosforo, combinazione di elementi che ha permesso di raggiungere un’elevata efficienza e una stabilità a lungo termine per oltre 200 ore. Il prossimo passo sarà quello di migliorare ancora di più la portata del materiale cercando, inoltre, opportunità e finanziamenti per la sua commercializzazione.

[di Eugenia Greco]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiano né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di “The Week” prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati