mercoledì 29 Giugno 2022

Marò: l’India chiude il caso dopo 9 anni

La Corte suprema indiana ha chiuso tutti i procedimenti contro Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, i marò italiani accusati di aver ucciso nel mese di febbraio 2012, al largo delle coste del Kerala, due pescatori imbarcati su un peschereccio indiano. Lo hanno reso noto i media di Nuova Delhi, secondo cui la Corte suprema ha considerato adeguato il risarcimento da 100 milioni di rupie (circa 1,1 milioni di euro), di cui 80 milioni andranno ai parenti delle vittime e 20 milioni al proprietario dell’imbarcazione. Già la settimana scorsa, aggiungono i media, dopo il deposito di tale risarcimento la Corte aveva deciso di chiudere tutti i procedimenti.

Ultime notizie

Petrolio, gli USA abbandonano ogni cautela ambientale per aumentare la produzione

Allo scopo di aumentare la produzione del cosiddetto petrolio di scisto, gli Stati Uniti hanno scelto di premere l'acceleratore...

Il G7 doveva parlare di crisi alimentare, ma ha deciso solo di inviare più armi a Kiev

Si è appena concluso il 47° vertice G7 della storia, l'incontro che unisce i rappresentanti di America del Nord,...

Il risvolto inquietante dei cereali per la colazione (di cui pochi sanno)

Il settore dei cereali per la colazione meriterebbe più attenzione da un punto di vista nutrizionale e auspicabilmente anche...

In Sardegna l’eolico è un business senza regole, i cittadini si mobilitano per fermarlo

In Sardegna è iniziata la corsa all'eolico: sono diverse le compagnie che hanno depositato in varie Capitanerie di porto...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI