fbpx
martedì 27 Luglio 2021

Marò: l’India chiude il caso dopo 9 anni

La Corte suprema indiana ha chiuso tutti i procedimenti contro Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, i marò italiani accusati di aver ucciso nel mese di febbraio 2012, al largo delle coste del Kerala, due pescatori imbarcati su un peschereccio indiano. Lo hanno reso noto i media di Nuova Delhi, secondo cui la Corte suprema ha considerato adeguato il risarcimento da 100 milioni di rupie (circa 1,1 milioni di euro), di cui 80 milioni andranno ai parenti delle vittime e 20 milioni al proprietario dell’imbarcazione. Già la settimana scorsa, aggiungono i media, dopo il deposito di tale risarcimento la Corte aveva deciso di chiudere tutti i procedimenti.

Ultime notizie

Usa: quattro Big Pharma patteggiano 26 miliardi per aver alimentato l’abuso di oppiodi

«L’epidemia di oppioidi è una crisi di salute pubblica nazionale che ha bisogno di una soluzione nazionale», ha dichiarato...

Presto avremo dispositivi elettronici indistruttibili?

Un passo molto importante è stato da poco compiuto nella tecnologia. Si tratta dell'invenzione di un circuito elettrico resistente...

Veneto, congelate sospensioni medici non vaccinati: “non basta il personale”

Al contrario di quanto previsto dal decreto con cui in Italia è stato introdotto l’obbligo vaccinale per il personale...

Il Vaticano ha rivelato per la prima volta le sue proprietà immobiliari

Il patrimonio della Santa Sede conta oltre 5000 immobili: lo si apprende dal bilancio relativo all'anno 2020 dell'Apsa (Amministrazione...