venerdì 27 Maggio 2022

Birmania: a 4 mesi dal golpe non si fermano le proteste

A quattro mesi esatti dal colpo di stato militare, non si fermano le proteste dei cittadini birmani. Ancora ieri manifestazioni si sono tenute in varie città della nazione e fonti locali riportano l’uccisione di cinque manifestanti da parte delle forze di polizia. In diverse città (a partire da Yangon) si sono negli ultimi giorni registrati attentati ed esplosioni. Atti non rivendicati che il governo attribuisce ai manifestanti e che vengono utilizzati per giustificare la repressione, ma che secondo i manifestanti sono invece opera degli stessi militari.

Ultime notizie

Recensioni indipendenti: Kiss The Ground (documentario)

Documentario del 2020 di 124 minuti diretto da Josh Tickell e Rebecca Harrell Tickell. Ispirato al libro, da cui...

In Spagna scoppia lo scandalo dei green pass falsi: acquistati da oltre duemila ricchi

La Brigada Provincial de Información, un reparto della polizia spagnola, ha scoperto e smantellato a Madrid il traffico di...

Human Right Watch: i dati dei bambini in DAD sono stati rivenduti

Nel pieno della crisi pandemica i Governi di tutto il mondo hanno cercato di preservare il sistema scolastico confidando...

Guerra, globalizzazione, pandemie: di cosa stanno parlando le élite al World Economic Forum

La città di Davos, in Svizzera, in questi giorni è blindata da polizia e militari per garantire la sicurezza...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI