domenica 14 Agosto 2022

È morto Amoim Aruká, l’ultimo indigeno del popolo Juma

A 86 anni, Amoim Aruká, l’ultimo discendente maschio del popolo indigeno Juma, è deceduto dopo aver contratto il coronavirus. A metà gennaio, i primi sintomi. Successivamente il ricovero presso l’ospedale di Humaitá. Infine, trasferito in terapia intensiva nella struttura di Porto Velho dove però si è spento il 17 febbraio. A nulla è servito quindi lo sforzo congiunto di indigeni, enti pubblici ed organizzazioni non governative. Con la sua morte termina per sempre la storia di un popolo indigeno. Rabbia e dolore da parte delle associazioni dell’Amazzonia brasiliana. Aruká lascia tre figlie, uniche sopravvissute a una serie di massacri che nel corso del tempo hanno annullato un intero popolo.

All’inizio del XX secolo, il popolo Juma contava circa 15mila persone. Nel 2002, a causa di genocidi perpetrati nel tempo e mancanza di tutela, ne rimasero solo cinque. Nel 2020, poi, è arrivata la pandemia. I popoli indigeni, particolarmente vulnerabili all’emergenza, ne hanno subito le più gravi conseguenze. Solo nel bacino dell’Amazzonia, secondo gli ultimi dati, sono stati accertati oltre 1 milione e mezzo di casi e un totale di 42mila morti. Il metodo più efficace per proteggerli sarebbe l’istituzione di una barriera sanitaria. Questa la proposta sostenuta dal Coiab e dall’Unione dei popoli indigeni del Brasile (Apib). Una soluzione per cui però il governo si è dimostrato – denunciano le associazioni – “assente e incompetente”.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI