mercoledì 29 Giugno 2022

Torino, sindaca Appendino condannata a un anno e mezzo per la tragedia di Piazza San Carlo

La sindaca di Torino, Chiara Appendino, è stata condannata a un anno e sei mesi nel processo con rito abbreviato per i fatti di piazza San Carlo del 3 giugno 2017, quando un’ondata di panico collettivo tra la folla che stava assistendo alla finale di Champions League tra Juventus e Real Madrid causò il ferimento di oltre 1600 persone e la morte di due donne. Per l’accusa la manifestazione fu organizzata male e troppo in fretta. Stessa condanna per il suo ex capo di gabinetto Paolo Giordana, per l’allora questore Angelo Sanna, per l’ex presidente di Turismo Torino Maurizio Montagnese, e per il progettista Enrico Bertoletti. Per tutti l’accusa è di disastro, omicidio e lesioni colpose.

Ultime notizie

#SPORTNEGATO: la disobbedienza per il diritto allo sport ai tempi del green pass

Lavoro di squadra, allenamento, fatica, competizione, sconfitte, gioie... Quando si pensa allo sport, sono questi i termini che rimbalzano...

La De Cecco andrà a processo per frode sulla provenienza della pasta

Filippo Antonio De Cecco, presidente della omonima azienda, andrà a processo a Chieti insieme all'ex direttore degli acquisti Mario...

Una ricerca ha dimostrato che diminuendo i pesticidi non cala la produttività agricola

Diminuire l'uso di pesticidi non solo gioverebbe all'ambiente ma permetterebbe di continuare ad avere una produzione quantitativamente alta e...

Petrolio, gli USA abbandonano ogni cautela ambientale per aumentare la produzione

Allo scopo di aumentare la produzione del cosiddetto petrolio di scisto, gli Stati Uniti hanno scelto di premere l'acceleratore...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI