fbpx
domenica 24 Ottobre 2021

Da oggi in vigore trattato ONU che vieta le armi nucleari: Italia e Nato non aderiscono

Oggi, 22 gennaio 2021, entra in vigore il Trattato Onu sulla proibizione delle armi nucleari. Il Trattato è stato adottato da una conferenza delle Nazioni Unite il 7 luglio 2017, con 122 voti a favore. Perché entrasse in vigore, era necessaria la ratifica di 50 Stati: attualmente, è stato firmato da 86 Stati e ratificato da 51. Le armi nucleari erano le uniche armi di distruzione di massa a non essere soggette a un divieto categorico: l’accordo riempie un vuoto nella normativa internazionale. Il Trattato vieta agli Stati firmatari l’uso, lo sviluppo, i test, la produzione, la fabbricazione, l’acquisizione, il possesso, l’immagazzinamento, il trasferimento, la ricezione, la minaccia di usare, lo stazionamento, l’installazione o il dispiegamento di armi nucleari. A non prendere parte al Trattato sono state soprattutto le potenze nucleari e i loro alleati. Tuttavia, potrebbero ritrovarsi esposte a contraccolpi di immagine ed economici (gli istituti finanziari spesso scelgono di non investire in armi controverse).

L’Italia, sulla scia di Usa e Nato e come la maggior parte degli Stati europei, non ha aderito al Trattato. Nonostante sia un Paese formalmente non-nucleare e tra i firmatari del Trattato di non proliferazione nucleare, sul territorio sono presenti circa 50 testate nucleari statunitensi. La Rete Italiana Pace e Disarmo e Senzatomica ritengono che «l’Italia dovrebbe liberarsi dalle pressioni ed indicazioni provenienti dalla Nato e dagli Stati Uniti, che mirano a tenerla sotto il loro ombrello nucleare».

 

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiano né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di “The Week” prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati