lunedì 4 Luglio 2022

Da oggi in vigore trattato ONU che vieta le armi nucleari: Italia e Nato non aderiscono

Oggi, 22 gennaio 2021, entra in vigore il Trattato Onu sulla proibizione delle armi nucleari. Il Trattato è stato adottato da una conferenza delle Nazioni Unite il 7 luglio 2017, con 122 voti a favore. Perché entrasse in vigore, era necessaria la ratifica di 50 Stati: attualmente, è stato firmato da 86 Stati e ratificato da 51. Le armi nucleari erano le uniche armi di distruzione di massa a non essere soggette a un divieto categorico: l’accordo riempie un vuoto nella normativa internazionale. Il Trattato vieta agli Stati firmatari l’uso, lo sviluppo, i test, la produzione, la fabbricazione, l’acquisizione, il possesso, l’immagazzinamento, il trasferimento, la ricezione, la minaccia di usare, lo stazionamento, l’installazione o il dispiegamento di armi nucleari. A non prendere parte al Trattato sono state soprattutto le potenze nucleari e i loro alleati. Tuttavia, potrebbero ritrovarsi esposte a contraccolpi di immagine ed economici (gli istituti finanziari spesso scelgono di non investire in armi controverse).

L’Italia, sulla scia di Usa e Nato e come la maggior parte degli Stati europei, non ha aderito al Trattato. Nonostante sia un Paese formalmente non-nucleare e tra i firmatari del Trattato di non proliferazione nucleare, sul territorio sono presenti circa 50 testate nucleari statunitensi. La Rete Italiana Pace e Disarmo e Senzatomica ritengono che «l’Italia dovrebbe liberarsi dalle pressioni ed indicazioni provenienti dalla Nato e dagli Stati Uniti, che mirano a tenerla sotto il loro ombrello nucleare».

 

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI