martedì 7 Febbraio 2023

Milano: ristoratori in corteo davanti a Palazzo Lombardia

Un centinaio di ristoratori, baristi e proprietari di locali hanno creato un corteo di macchine che dalla Brianza sono arrivati a Milano per manifestare sotto Palazzo della Regione. Suonando clacson e fischietti, sono entrati nel capoluogo lombardo scortati da alcune auto della polizia e, dopo aver parcheggiato le auto in viale Zara, hanno raggiunto a piedi Palazzo Lombardia “Abbiamo lasciato libera la corsia d’emergenza e quella di sorpasso – ha spiegato un imprenditore di Seregno – in modo che potessero passare i mezzi di soccorso e siamo andati a circa 40 km all’ora. Qualcuno arriverà al lavoro dieci minuti in ritardo, così capirà come ci sentiamo noi che non possiamo andare a lavorare (…) Siamo qua non per capriccio, ma perché non possiamo lavorare. Da ottobre i nostri dipendenti non hanno ricevuto la cassa integrazione”.  

Ultime notizie

Il Covid volge al termine? Pfizer vara il piano per confermare profitti record

Dopo aver incassato profitti da capogiro nel 2022 grazie alla vendita del suo vaccino anti-Covid a mRna, il colosso...

Al via il maggior sciopero dei lavoratori sanitari nella storia del Regno Unito

Nel Regno Unito, decine di migliaia di lavoratori sanitari sono scesi in piazza per protestare contro l'inflazione che da...

L’Australia autorizza MDMA e funghi allucinogeni per trattare le malattie mentali

Lo scorso venerdì la Therapeutic Goods Administration (TGA), l'organo governativo australiano responsabile della regolamentazione dei farmaci, ha annunciato che...

Come le multinazionali hanno imposto l’estinzione del pomodoro San Marzano

“Per fare l'albero ci vuole il seme”, recitava una filastrocca delle scuole elementari. Peccato che questo mondo bucolico e...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI