martedì 29 Novembre 2022

Studio scientifico: le scimmie di Bali hanno imparato a rapinare i turisti per ottenere cibo

Le scimmie di Bali hanno imparato a rapinare i turisti in cambio di cibo, lo conferma uno studio pubblicato sulla Royal Society. Gli scienziati hanno filmato un gruppo di macachi nel tempio di Uluwatu per 273 giorni, tra il 2015 e il 2016 e anche nel 2019, i quali hanno manifestato un comportamento assai insolito. I primati hanno preso l’abitudine di sottrarre abilmente ai turisti i loro i beni personali – un paio di occhiali da sole, il cappello, il foulard ma anche il tablet o il telefonino – per poi ricattarli. I Macachi infatti, dopo aver rubato qualcosa ai malcapitati, invece di scappare, attendono lì – magari in un punto abbastanza alto da non poter essere presi – pronti a restituire l’oggetto solo in cambio di cibo.

Durante lo studio, gli scienziati hanno rilevato la capacità delle scimmie di stimare il valore dell’oggetto rubato. Queste infatti preferiscono oggetti preziosi, ai quali le vittime difficilmente rinuncerebbero, come i dispositivi elettronici. Inoltre, è stato anche confermato che, più i macachi sono avanti con l’età, più la loro capacità di barattare con gli umani aumenta, tanto da riuscire ad accumulare abbondanti ricompense alimentari. Una vera e propria trattativa, dalla durata di diversi minuti. Un comportamento simile al baratto, che i primati del luogo stanno adottando da almeno 30 anni, tramandandolo di generazione in generazione grazie all’imitazione, e che può essere considerato il primo esempio di economia simbolica in un gruppo di animali selvatici.

 

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI