mercoledì 29 Giugno 2022

Rifiuti spaziali, al via nel 2025 la prima missione europea di pulizia

Ripulire lo spazio da milioni di detriti fluttuanti che potrebbero compromettere il funzionamento dei satelliti operativi. Questo l’obiettivo di una start-up svizzera, Clear Space. La missione, sostenuta con 86 milioni di euro dall’Agenzia Spaziale Europea (ESA), partirà nel 2025. Di fatto, nascerà un nuovo settore, quello dei servizi di pulizia spaziali. Nel dettaglio, il fine del primo lancio sarà quello di raccogliere e riportare sulla Terra la parte superiore di un adattatore, chiamato VESPA, utilizzato con il lanciatore Vega e mandato nello spazio nel 2013. Stiamo parlando di tecnologie dotate di Intelligenza Artificiale basata sulla visione e di sistemi avanzati di guida, navigazione e controllo. Questo – come ha illustrato l’ESA – consentirà al satellite di acquisizione di avvicinarsi all’obiettivo autonomamente e in sicurezza, nonché permettere ai bracci robotici di catturare l’obiettivo.

Sono oltre 6.000 i frammenti grandi più di un centimetro e decine di milioni i piccoli resti di satelliti e apparecchiature varie che attualmente orbitano nello spazio. Questi ed altri rifiuti spaziali contribuiscono ad inquinare l’atmosfera terrestre, ma il problema non è solo di natura ambientale. “Alle velocità orbitali – ha spiegato Luc Piguet, amministratore delegato di ClearSpace –  anche una vite può colpire con una forza esplosiva. I responsabili di missione non possono garantire alcuna protezione – ha aggiunto – piuttosto, il rischio deve essere gestito attraverso operazioni di rimozione attiva dei rifiuti spaziali”.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI