venerdì 1 Luglio 2022

In Africa si sperimentano nuovi vaccini per arginare la diffusione dell’HIV

L’Africa è pronta ad intensificare la lotta contro l’HIV mettendo a punto nuovi vaccini. La prima sperimentazione nel continente, partita in Uganda, ne testerà almeno due nuovi. I futuri risvolti potrebbero far sperare in un rapido arresto della malattia che colpisce milioni di persone ogni anno in tutta l’Africa.

Lo studio di cui si parla si chiama PrEPVacc, è condotto direttamente dall’Africa ed è sostenuto dall’Europa. La sua sperimentazione, partita nel 2018, prevede di protrarsi fino al 2023. La novità importante di questo studio è che per la prima volta combina la valutazione dei vaccini sperimentali contro l’HIV e la profilassi pre-esposizione (PrEP) allo stesso tempo. Le stime dicono che oltre 1.600 persone di età compresa tra i 18 ei 40 anni parteciperanno agli studi clinici nei prossimi tre anni in territori compresi tra Uganda, Tanzania, Mozambico e Sud Africa.

L’avvio della nuova ricerca è stato fortemente voluto (e finanziato) dalla European and Developing Countries Clinical Trials Partnership, e sostenuta da tutta l’Unione europea. È importante che la sperimentazione stia avvenendo e continui a crescere direttamente in Africa perché è un’opportunità per il continente di agire con sempre maggiore autonomia e “svincolarsi” dal resto del mondo. I dati di Unaids (programma delle Nazioni Unite per l’HIV) dicono che 20,7 milioni di persone convivono con l’HIV nell’Africa orientale e meridionale. Solo nel 2019 si sono registrati 730.000 nuove infezioni e 300.000 decessi.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI