fbpx
lunedì 25 Ottobre 2021

SpaceX: il test della missione su Marte si conclude con un’esplosione, ma è un successo

Il salto di prova del prototipo SN8 di Starship, nuovo sistema di lancio di SpaceX, si è concluso con un atterraggio durissimo ma è stato un successo. La Starship dell’azienda aerospaziale statunitense di Elon Musk è decollata ieri alle 23:45 italiane dal centro sperimentale di Boca Chica, in Texas. Il prototipo ha volato per circa sei minuti e quaranta secondi. All’inizio tutto è andato bene: il veicolo si è lanciato con successo, ha raggiunto l’apogeo e si è ribaltato per iniziare la sua discesa. Il lancio però si è concluso con un’esplosione perché il serbatoio, con una bassa pressione, ha causato un atterraggio troppo veloce.

Anche se distrutto, SN8 ha raggiunto molti obiettivi: il volo serviva a testare le prestazioni dei motori Raptor dell’astronave, le sue capacità di rientro aerodinamico e la transizione del propellente. Il progetto, dichiara SpaceX, mira a produrre “un sistema di trasporto completamente riutilizzabile in grado di trasportare sia l’equipaggio che il carico sulla Luna, su Marte e oltre”.

Musk è deciso a portare i primi uomini attorno alla Luna nel 2023 per arrivare attorno, o addirittura su Marte, nel 2026. SN8 è ormai distrutto, ma a Boca Chica i lavori sui prototipi continuano, e sono già arrivati alle fasi di produzione di SN15. Il prototipo SN9 appare ormai praticamente pronto e probabilmente, nel giro di qualche settimana, si assisterà ad un nuovo tentativo di “salto”.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiano né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di “The Week” prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati