sabato 10 Dicembre 2022

Teheran convoca gli ambasciatori di Gran Bretagna e Norvegia per interferenze nella politica iraniana

L’Iran ha convocato gli ambasciatori di Gran Bretagna e Norvegia per quella che dichiara essere un’interferenza nella politica nazionale e una copertura mediatica ostile sui disordini innescati nel Paese dalla morte della ventiduenne Mahsa Amini, fermata dalla polizia iraniana perché non indossava correttamente il velo. ll presidente Ebrahim Raisi ha affermato che l’Iran ha assicurato la libertà di espressione e ha ordinato un’indagine sulla morte in detenzione di Amini. Ha anche sostenuto che l’ampia copertura mediatica del caso in questione segue “doppi standard”, riferendosi alle morti di cittadini americani provocate dalla polizia statunitense. L’ambasciatore norvegese è stato convocato per spiegare la “posizione interventista” del presidente del parlamento del Paese, che su Twitter ha espresso sostegno ai manifestanti. Dal canto suo, l’ambasciatore del Regno Unito ha dichiarato che avrebbe immediatamente segnalato la questione a Londra.

Ultime notizie

Dopo 30 anni il Regno Unito torna ad aprire le centrali a carbone

Il governo britannico ha approvato il progetto di una nuova miniera di carbone a Whitehaven, nel nord est dell'Inghilterra,...

Come la dieta quotidiana può aiutare a prevenire demenza e Alzheimer

Cominciamo col dare subito una buona notizia: è stato dimostrato che le probabilità di sviluppare una demenza diminuiscono se...

La RAI mostra le immagini dei bombardamenti ucraini su Donetsk spacciandoli per russi

«È l’ennesima strage di civili quella del mercato di Kurakhove nel Donetsk, ci sono 8 morti e almeno 5...

L’altro Mondiale: cronache assurde da Qatar ’22 (terza puntata)

Benvenute e benvenuti alla terza puntata di: L'altro Mondiale, che questa volta è abbastanza puntuale, quasi quanto le indagini...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI