venerdì 19 Luglio 2024

Gallarate: pacifisti denunciati per aver esposto striscioni contro le spese militari

Durante il concerto della Fanfara per la celebrazione del centenario dell’aeronautica militare svoltosi a Gallarate, alcuni cittadini si sono posti davanti agli ufficiali che suonavano esponendo due striscioni. Il primo recitava “Aeronautica militare: 100 anni di bombardamenti, distruzioni e stragi. Proprio niente da festeggiare”, il secondo invece “No alla militarizzazione delle scuole”. I 7 manifestanti non hanno fatto altro che alzare i loro striscioni passando davanti alla parata, prima di essere fermati dalla polizia e dai carabinieri. All’espressione pacifica di dissenso ha fatto seguito la risposta giudiziaria: i protestatari individuati sono stati denunciati per “manifestazione non autorizzata”; per uno di loro si è aggiunto il “vilipendio delle forze armate” per aver “esposto pubblicamente uno striscione con scritte offensive nei confronti dell’Aeronautica Militare Italiana”.

Come mostrano le immagini, l’obiettivo della protesta non era interrompere la Fanfara dell’aeronautica o “arrecare turbative all’ordine pubblico”, bensì lanciare un messaggio di dissenso. Una volta fermati dalle forze dell’ordine, il gruppo di giovani riconducibili ai centri sociali della provincia di Varese si è allontanato senza opporre resistenza. La pioggia di denunce non si è fatta attendere: l’azione, qualificata come manifestazione non autorizzata, è stata notificata alla Procura che condurrà le indagini del caso.

Lo striscione “No alla militarizzazione delle scuole” è un chiaro riferimento alle iniziative realizzate dall’aeronautica per festeggiare il proprio centenario. Si pensi all’Open Day organizzato lo scorso marzo nella base NATO di Trapani o all’accordo siglato tra il 41° Stormo e sette istituti scolastici della Sicilia orientale per far svolgere a oltre 350 studenti percorsi di alternanza scuola-lavoro all’interno della base militare NATO di Sigonella.

[di Salvatore Toscano]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

2 Commenti

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI