venerdì 27 Gennaio 2023

Avvisi di morte sul vino come sulle sigarette: l’UE dà il via libera alla proposta

L’Irlanda potrà adottare il suo piano di etichettatura con cui il vino, la birra ed i liquori verranno sostanzialmente messi sullo stesso piano delle sigarette: è questa la conseguenza del modus operandi dell’Unione Europea, la quale recentemente ha di fatto dato il via libera alla norma irlandese che prevede di rifarsi ad avvertenze con cui mettere in guardia i consumatori dal rischio di ammalarsi di cancro e di andare incontro a malattie del fegato a causa dell’alcool. La disposizione era stata infatti notificata nello scorso mese di giugno da Dublino alla Commissione europea che, non avendo posto alcuna obiezione prima della scadenza del periodo di moratoria (fine dicembre), ha di fatto autorizzato l’Irlanda ad adottare la normativa. Un via libera, tra l’altro, arrivato nonostante i pareri contrari di diversi Stati Membri, che considerando la misura come una barriera al mercato interno si sono opposti ad essa.

Tra questi l’Italia, con il ministro dell’agricoltura Francesco Lollobrigida che ha definito la decisione «gravissima». «Crediamo che dietro questa scelta un’altra volta si miri non a garantire la salute ma a condizionare i mercati e che la spinta in questo senso viene da nazioni che non producono vino e dove si abusa di superalcolici», ha inoltre affermato il ministro, ponendo l’attenzione sul fatto che l’intento sia proprio quello di «equiparare il vino ai superalcolici» nonostante lo stesso, se utilizzato in maniera moderata, sia un «alimento sano». Una posizione, quest’ultima, a quanto pare condivisa anche da alcuni membri del comitato scientifico di MOHRE (l’Osservatorio Mediterraneo per la Riduzione del Rischio in medicina) che si sono schierati contro il piano di etichettatura. «Mentre non c’è nessuna evidenza che le sigarette non siano dannose per la salute, in letteratura scientifica ci sono studi che mostrano che basse dosi di vino sono in grado di allungare la sopravvivenza di chi le consuma», ha ad esempio affermato Fabio Lugoboni – responsabile dell’Unità Medicina delle Dipendenze del Policlinico veronese Giambattista Rossi – mentre secondo l’oncologo medico Oscar Bertetto «alle giuste dosi il vino può essere consumato senza problemi».

È anche in virtù di tali considerazioni, dunque, che le critiche arrivate dal mondo associativo risultano essere a maggior ragione rilevanti. “Il via libera dell’Unione Europea alle etichette allarmistiche sul vino è un attacco diretto all’Italia che è il principale produttore ed esportatore mondiale con oltre 14 miliardi di fatturato, di cui più della metà all’estero” ha ad esempio affermato la Coldiretti, sottolineando che l’Irlanda “potrà adottare un’etichetta per vino, birra e liquori con avvertenze terroristiche, che non tengono conto delle quantità, come ‘il consumo di alcol provoca malattie del fegato’ e ‘alcol e tumori mortali sono direttamente collegati'”. «È del tutto improprio assimilare l’eccessivo consumo di superalcolici tipico dei Paesi nordici al consumo moderato e consapevole di prodotti di qualità ed a più bassa gradazione come la birra e il vino», ha inoltre dichiarato il presidente della Coldiretti Ettore Prandini, sottolineando che «il giusto impegno dell’Unione per tutelare la salute dei cittadini secondo la Coldiretti non può tradursi in decisioni semplicistiche che rischiano di criminalizzare ingiustamente singoli prodotti indipendentemente dalle quantità consumate». Micaela Pallini, Presidente di Federvini, ha invece definito la normativa irlandese «unilaterale, discriminatoria e sproporzionata», invitando il Governo italiano ad attivarsi «quanto prima per studiare ogni azione possibile, nessuna esclusa, per osteggiare una norma che contrasta con il buon senso e la realtà».

Insomma, in Italia i pareri negativi nei confronti della normativa di fatto autorizzata dall’UE sono tanti, e del resto essi paiono giustificati non solo dalle opinioni degli esperti sopracitate, ma anche da un modus operandi dell’Unione alquanto enigmatico. L’utilizzo dei nitriti e dei nitrati, ad esempio, è consentito dalla normativa europea, ed i regolamenti europei sugli additivi alimentari permettono un impiego anche generoso di tali sostanze sui vari tipi di carni, pesce e formaggi che vengono messi in commercio: per rendere l’idea, nella produzione di aringhe e spratti marinati in scatoletta o al banco gastronomia, si possono aggiungere fino a 500 milligrammi di nitrato per ogni chilo di prodotto. Un atteggiamento che sembra essere alquanto permissivo, soprattutto se si considera che non vi è alcun obbligo di legge di indicare la quantità in etichetta ingredienti ma soltanto la loro presenza, nonostante i nitriti ed i nitrati favoriscano alcuni tipi di tumore. Certo, tornando al vino bisogna ricordare che l’etichettatura riguarda esclusivamente l’Irlanda e non in generale tutti i paesi dell’UE, ma il timore adesso è che l’esempio irlandese possa essere seguito da altri Stati membri, che potrebbero sentirsi legittimati ad agire nel medesimo modo.

[di Raffaele De Luca]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Articoli correlati

5 Commenti

  1. Sono tutti una massa di ipocriti! Ma come, quando si parla di cannabis ci sono quelli che si stracciano le vesti dicendo che le droghe sono tutte ugulai??? Benissimo, da oggi anche gli alcolici sono tutti uguali e zitti!! Branco di politici pusillanimi!!

  2. I lobbysti di Bruxelles invece di fare gli pseudosalutisti con l’alcool dovrebbero uniformare la tassazione sui profitti delle società (Ires) fra i Paesi membri (Italia 24%, Irlanda 12,5%). Tra l’altro il whiskey irlandese non è certo all’altezza di un Oban o di un Lagavulin…

  3. L’OMS ha stabilito che i danni dell’alcol, anche in piccole quantità, superano sempre i benefici quindi non trovo così sbagliata questa idea delle etichette. Comunque i danni provocati da bevande leggere come il vino non è che siano peggiori rispetto a quelli del cibo spazzatura o i nitrati della carne come giustamente avete fatto notare…quindi anche lì andrebbero messe delle etichette del genere?

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI