venerdì 27 Gennaio 2023

Consumo di suolo: in Italia si perdono 2 m² di terra al secondo 

“Il Rapporto ISPRA 2022 sul consumo del suolo evidenzia come in Italia continuiamo a perdere 2 m² di suolo al secondo.” L’allarme arriva da WWF Italia proprio nella Giornata del suolo, istituita nel 2014 dalla FAO.

Secondo i dati ISPRA, nel 2021 la media è stata di 19 ettari di suolo persi al giorno, vale a dire il valore più alto degli ultimi 10 anni. Sono 21.500 i km² di suolo cementificati in tutto il Paese e soltanto gli edifici occupano una superficie pari alla Liguria (5.400 km²).

A pochi giorni dai drammi di Ischia, Luciano Di Tizio, presidente del WWF Italia, ha affermato che per evitare ulteriori tragedie “L’ultima cosa che dobbiamo fare è continuare a costruire”. Come evidenziato nel Rapporto, infatti, dal 2012 ad oggi il suolo perso avrebbe garantito l’infiltrazione di oltre 360 milioni di m³ di acqua piovana, aggravando la pericolosità idraulica dei nostri territori (che dal 2000 al 2019 ha causato 438 morti in Italia – Fonte CNR-Irpi). La cementificazione, inoltre, impermeabilizza le superfici interrompendo la ricarica delle falde acquifere. “L’Italia è un paese fragile – ha concluso Di Tizio – oltre il 16% del territorio è in aree ad elevato rischio irogeologico e sono 6 milioni le persone interessate, che cioè vivono in aree di potenziale rischio.”

Il WWF Italia ha perciò avanzato la richiesta a Parlamento e Governo di riprendere a lavorare su quanto lasciato in stand by nel 2012 e approvare una legge che si muova nella logica del “bilancio zero del consumo del suolo”; che impedisca cioè nuove costruzioni nelle aree rimaste libere e stimoli il recupero di quelle già occupate e degradate (si parla di oltre 310 km² di edifici inutilizzati). Dal 2021 l’esigenza di una legge sul suolo è diventata ancora più urgente, la Commissione Europea ha infatti approvato la nuova “Strategia europea per il suolo al 2030” impegnandosi a promuovere una Direttiva sul tema entro il 2023. È giunto quindi il momento per l’Italia di destarsi.

[di Iris Paganessi]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Articoli correlati

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI