venerdì 2 Dicembre 2022

L’uragano Ian devasta la Florida e si sposta sulla Carolina del Sud

A causa dell’Uragano Ian che si è abbattuto sulla Florida, sono morte più di cinquanta persone, tra cui diciotto per annegamento. Dopo aver spazzato la Florida, l’uragano si è spostato nella Carolina del Sud: il centro della tempesta ha colpito la cittadina di Georgetown, fra Charleston e Myrtle Beach, dopo aver preso forza nella notte sull’Atlantico. Tutta la costa dello Stato è in stato d’allerta, ma secondo le previsioni, una volta toccato terra, l’uragano dovrebbe indebolirsi e tornare tempesta tropicale. I danni e le perdite causati dall’uragano Ian avranno un costo per la Florida tra i 25 e i 40 miliardi di dollari, secondo le previsione dell’agenzia Fitch Ratings riportate dai media americani. Il presidente Joe Biden ha detto che «Ci vorranno mesi, anni per ricostruire in Florida quello che l’uragano ha distrutto» e ha espresso la sua solidarietà alle famiglie colpite dalla tragedia.

Ultime notizie

Mercato del carbonio, come le aziende riescono a inquinare gratis

Negli ultimi nove anni, le grandi aziende dell'UE in prima linea nel rilascio di gas serra e di sostanze...

San Francisco autorizza i robot di polizia a uccidere i sospetti

"Proteggere e servire", questo è il motto della polizia di Los Angeles che negli anni si è esteso alle...

Anche il Ghana si sgancia dal dominio del dollaro: pagherà le importazioni in oro

Il Ghana è in trattative con la Emirates National Oil Co. (ENOC) – la compagnia petrolifera di Dubai –...

Non solo glifosato: gli altri pesticidi non testati approvati in Europa

Il 30% di tutti i pesticidi autorizzati all'interno dell'Unione Europea è approvato "per estensione", ovverosia viene riapprovato senza una...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI