fbpx
venerdì 24 Settembre 2021

No, lo stato non finanzierà l’esoterismo in agricoltura

Nonostante buona parte delle testate affermi il contrario, lo stato non finanzierà pratiche agricole esoteriche. O meglio, non le finanzierà in quanto tali. Stiamo parlando della biodinamica e del disegno di legge recentemente approvato in materia di agricoltura biologica (Ddl s. 988). La norma, finalizzata a tutelare e a sviluppare la competitività delle pratiche agricole biologiche, ha presto dato vita ad un accesso dibattito. Le accuse avanzate sostengono che la legge supporti, per l’appunto, l’agricoltura biodinamica, un insieme di metodi agronomici privi di fondamento scientifico. Ma le cose non stanno affatto così. «La biodinamica è finanziata – come ad esempio afferma Maurizio Gily, consulente in viticoltura sostenibile e biologica, docente e divulgatore scientifico – solo se dotata di una certificazione di agricoltura biologica (e diverse aziende biodinamiche non ce l’hanno)».

Senza entrare nel merito dell’attendibilità scientifica delle pratiche biodinamiche, a far discutere, in particolare, sarebbe stato il comma 3 dell’articolo 1 del disegno di legge in questione. Il punto, che ha spinto 20 scienziati a scrivere una lettera aperta ai senatori prima del voto, effettivamente sembrerebbe equiparare i metodi biodinamici a quelli biologici. Tuttavia, questo è vero solo nel caso in cui i primi siano applicati – si legge nel testo – «nel rispetto delle disposizioni dei regolamenti dell’Unione europea in materia di agricoltura biologica». Insomma, le pratiche biodinamiche, per quanto discutibili, sono una realtà, e neanche trascurabile in termini numerici. Pertanto è bene che vengano regolamentate qualora si basino anche su metodi biologici. D’altra parte affermare, senza contestualizzare, che il governo stia finanziando il cornoletame e altra ‘stregoneria’ in agricoltura, è solo disinformazione.

 

 

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiano né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di “The Week” prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati