- L’INDIPENDENTE - https://www.lindipendente.online -

Un satellite giapponese sta portando sulla Terra della polvere spaziale

L’ultima volta che Hayabusa2 – il cui nome significa falco in giapponese – è stata vista ad occhio nudo, Barack Obama era presidente degli Stati Uniti. Sei anni e tre giorni dopo l’inizio della sua missione, la navicella spaziale giapponese lancerà una capsula nell’entroterra australiano trasportando frammenti di asteroidi incontaminati che gli scienziati ritengono potrebbero far luce sulla formazione del sistema solare e sulle origini della vita.

Quando raggiungerà i cieli sopra Woomera, nell’Australia meridionale, nelle prime ore di domenica 6 dicembre, la sonda avrà completato un viaggio di andata e ritorno di circa 6 miliardi di km. “Il velivolo senza pilota rilascerà la capsula da un’altezza di circa 220.000 km”, ha dichiarato la Japan Aerospace Exploration Agency (Jaxa).

La capsula, protetta da uno scudo termico, si trasformerà in una palla di fuoco durante il rientro nell’atmosfera terrestre a 200 km dal suolo. A circa 10 km da terra si aprirà un paracadute e, se tutto va come previsto, la capsula invierà segnali indicanti la sua posizione a terra.

L’operazione di domenica segnerà il culmine di una missione da 30 miliardi di yen iniziata quando Hayabusa2, lasciò il centro spaziale di Tanegashima nel sud-ovest del Giappone nel dicembre 2014. Una delle fasi critiche della missione avvenne a febbraio dello scorso anno, quando atterrò brevemente sull’asteroide chiamato Ryugu e sparò un minuscolo proiettile di tantalio sulla superficie dell’asteroide per sollevare la polvere per la raccolta. Cinque mesi dopo, raggiunse il primato mondiale quando atterrò una seconda volta per raccogliere frammenti di roccia e terreno da sotto la superficie dell’asteroide di 4,6 miliardi di anni.

Jaxa crede che quei campioni sotto la superficie contengano carbonio e materia organica che, essendo stati schermati dalle radiazioni spaziali e da altri fattori ambientali, si trovano nello stesso stato in cui si trovavano quando si è formato il sistema solare.